Chi è Roberta

Sono imprenditrice, consulente e formatrice e mi occupo di Inbound Marketing e ottimizzazione dei processi aziendali.

In tutto ciò che riguarda il mio lavoro cerco sempre di apportare una trasformazione positiva alle realtà con cui entro in contatto. Credo che le aziende, e in generale le organizzazioni, debbano mettere al centro le persone e assumersi la responsabilità di avere un impatto positivo sulle vite e sui contesti con cui si relazionano.

A Napoli si dice “Fa ‘o bbene e scuordate, fa ‘o mmale e arricuordate”: ognuno di noi potrebbe trovare degli esempi nella propria carriera che ci dimostrano che instaurando una relazione positiva con clienti fornitori e collaboratori abbiamo, nella maggior parte dei casi, ricevuto qualcosa di prezioso in cambio.  

Sono originaria del Golfo di Gaeta (Lazio) e ho vissuto a Napoli, Londra, Pisa, Sao Paulo (Brasile) e Milano.
Mi definisco nomade digitale!

Oggi, più che in passato, è necessario che le aziende abbiano un occhio di riguardo (se non due) sull’ambiente e sulle trasformazioni, che nel bene o nel male, apportano con le loro azioni.

Perchè Inbound Marketer?

Dopo diversi anni di esperienza nel campo della comunicazione digitale e del web marketing ho fatto una scelta di campo: l’approccio Inbound al marketing, alla vendita e alla gestione di collaboratori e clienti.

Nonostante sia ancora forte la voce di coloro che spingono le aziende ad essere spietate nel perseguimento dei loro obiettivi, la verità è che un’azienda, per essere di successo, ha bisogno che tutte le parti con cui entra in contatto siano rispettate e valorizzate: dipendenti, collaboratori, fornitori, clienti. Saranno infatti loro a decidere davvero il destino delle aziende: grazie al web, non c’è marketing che riesca a ripulire una brutta reputazione.

Le migliori aziende sanno che quando i loro clienti hanno successo, anche loro raggiungono le migliori performance in termini di notorietà, reputazione, fiducia, gratitudine e fatturato.

People and person first

Ciò vale anche nel rapporto con collaboratori e dipendenti, che se stimolati positivamente dedicheranno all’azienda impegno, energie e creatività. Diversamente si limiteranno all’essere “professionali” (a fare il minimo indispensabile).

Siccome anche loro svolgono un ruolo centrale nel passaparola positivo o negativo sono da considerarsi una delle variabili centrali per il successo di un’organizzazione.

Ho scelto l’approccio Inbound perché è la metodologia che meglio si sposa con questi valori.

Quali sono i vantaggi dell’Inbound?

Vuoi parlarmi del tuo progetto?

Un ottimo modo per testare le acque e vedere se siamo adatti gli uni agli altri è pianificare una chiamata introduttiva di 30 minuti.

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart